Carrello vuoto


opere uniche opere grafiche monografie di arte opere viste ultime proposte



Castellani Enrico

CASTELLANI ENRICO


Biografia


Enrico CASTELLANI Nasce a Castelmassa di Rovigo nel 1930. Dopo studi di architettura svolti all'estero, alla fine degli anni Cinquanta è a Milano dove è esponente attivo della nuova scena artistica, in cui è determinante la presenza di Lucio Fontana, nella quale i giovani definiscono nuove modalità linguistiche ed operative dell'arte. Nel 1959 abbandona una pittura nella quale sono presenti echi informali e gestuali per iniziare a definire delle superfici pittoriche nelle quali la tela dipinta in modo monocromo è soggetta a minime introflessioni ed estroflessioni ad opera di una serie di chiodi posti sul telaio sottostante. La luce diviene così elemento fondamentale del rivelare le tensioni, delle pause e dei ritmi di un rigoroso intreccio geometrico; le superfici, così modulate e prive di cornici, formalizzano un nuovo concetto spazialità, con porzioni esemplificative e in sé conchiuse, di un più vasto campo pittorico nel quale il pensiero contemporaneo, non privo di echi illuministi e dell’umanesimo, dà vita a sempre inedite e sensibili soluzioni pittoriche. Nel 1959 a Milano con Piero Manzoni ed altri artisti, come Dadamaino e Vincenzo Agnetti, dà vita alla rivista 'Azimuth' e alla galleria omonima dove trova spazio la produzione teorica e iconica delle nuove generazioni con un ampio respiro internazionale con i gruppi italiani di arte programmata, di Yves Klein e altri artisti del Nouveau Réalisme francese, del gruppo Zero tedesco e del gruppo Nul olandese. Nel 1967 realizza “Ambiente bianco” una definizione spaziale delle superfici monocrome che, salvo poche eccezioni come è il caso del “Muro del Tempo” (1968), sono ancor oggi la costante metodologica per realizzare nuove e sempre inedite soluzioni formali. Presente nelle maggiori collezioni e rassegne internazionali, come Documenta di Kassel, Biennali di Venezia e Triennali, si ricorda la recente grande personale al Museo Pushkin Mosca (2005). Vive e lavora a Celleno (VT). Muore il 1° Dicembre 2017.


















compass
Vannucchi Arte – Arte Moderna e Contemporanea - Viale Montegrappa, 211 - 59100 Prato - Tel/Fax 0574 595007 Cell. 339/8533344 - 340/9103003
P.I. 02014940973 - Numero R.E.A 492637 Registro Imprese di Prato - info@vannucchiarte.com - [angiolini]