loading

Carrello vuoto



Coda Zabetta Roberto

BIOGRAFIA DI CODA ZABETTA ROBERTO



Breve scheda biografica


Roberto Coda Zabetta nasce a Biella il 22 gennaio del 1975, da padre commerciante e madre casalinga.
Qui frequenta inizialmente l’Istituto Tecnico Sperimentale, per poi completare gli studi presso l’Istituto d’Arte di Roma. Fondamentale per questo spostamento è l’appoggio del fratello Stefano che lo sostiene nei costi per gli studi e per l’abitazione. Nel 1995, un anno prima di entrare all’Accademia di Brera, conosce l’artista Aldo Mondino, di cui dal 1996 al 2000 è assistente di studio. Coda Zabetta racconta così questa esperienza: “Credo che i veri maestri siano quelle persone capaci di aiutarti ad individuare la tua strada. Tu devi solo rimanere lì ed aspettare in silenzio. Aldo è stato tutto questo. Oggi vive un po’ anche dentro di me”. Coda Zabetta eredita dal Maestro Aldo Mondino un modo di essere più che la tecnica pittorica, il concetto vero dell’arte più che il pratico fare creativo. Nello stesso studio di Mondino si formano con lui altri giovani artisti, oggi noti nel panorama dell’arte contemporanea italiana, come Federico Guida e Dany Vescovi. Dal 1997 inizia a partecipare a mostre ed ad alcuni concorsi per giovani artisti, sia in Italia che all’estero. Nel 1998, in una notte d’estate, scompare tragicamente il fratello Stefano e Roberto Coda Zabetta decide di partire per il Marocco. In questa occasione inizia a dipingere i volti. In seguito vivrà lunghi periodi a New York e poi a Berlino e il suo lavoro si concentra sempre di più sul carattere e sull’azione. IDENTITA ANONIME (2000) è il suo primo catalogo, dedicato ai bambini morti nel genocidio in Ruanda. Nel 2000 apre il suo studio a Milano e inizia una serie di lavori per lui molto importanti.
Vengono pubblicati: IN CODA (2003), PPP e COLORS (entrambi 2004).  Seguono mostre personali e partecipazioni a mostre collettive e spazi pubblici e privati, da cui scaturisce un forte movimento di critica attorno al suo lavoro. Si comincia a leggere di lui su riviste specializzate e cataloghi d’arte, con testi di Luca Beatrice, Maurizio Sciaccaluga, Aldo Busi, Alberto Fiz, Marina Mojana e altri, per giungere a definizioni fra le più complesse e contraddittorie sul suo lavoro: chi vede il dolore, la rabbia, la paura, il disagio o chi ancora la provocazione, il sogno, l’inconscio.
Dopo diverse mostre personali e partecipazioni a mostre collettive in spazi pubblici e privati, il 2006 è l'anno della grande mostra a Roma al Teatro India, all'interno del quale Coda Zabetta presenta sei enormi lavori su tela racchiusi in monumentali assi di legno ed una serie di opere su carta.
Trasferitosi  a Londra nel 2005, Coda Zabetta è stato invitato al "BP Portrait Award 2006" presso la National Portrait Gallery di Londra. Con "KOI and TRINACRIA", Coda Zabetta insieme Filippo Sciascia inaugura alla Indonesian National Gallery di Giakarta una nuova fase del suo percorso artistico caratterizzata dall'incontro con la cultura e l'iconografia del sud-est asiatico.
La sua mania di ricerca dell’embrione e la sua voglia continua a viaggiare lo portano in molti luoghi diversi, fra cui l’Africa, l’India, il Nord Europa e gli Stati Uniti. Attualmente vive e lavora a Milano e Londra.

 






Un'email ti informerà quando una nuova opera sarà aggiunta al catalogo Vannucchi



› COMPASS › Privacy › Condizioni di vendita › Cookie - I nostri canali:
Vannucchi Arte – Arte Moderna e Contemporanea - Viale Montegrappa, 211 - 59100 Prato - Tel/Fax 0574 595007 Cell. 339/8533344 - 340/9103003
P.I. 02014940973 - Numero R.E.A 492637 Registro Imprese di Prato - info@vannucchiarte.com - [angiolini]

Lascia un messaggio
risponderemo in breve, grazie.

Antispam: scrivere in lettere il risultato di sei+quattro

Se utilizzi questa messaggistica sei d'accordo con la nostra privacy