Carrello vuoto


opere uniche opere grafiche monografie di arte opere viste ultime proposte



Oddone Max

ODDONE MAX


Biografia


AUTO...BIOGRAFIA (cioè scritta in macchina!)

MAX, alias Massimiliano Oddone, nasce il 26 febbraio 1974 ad Alessandria, in una casa talmente umida che le rane giravano con l’impermeabile!
Fin da piccolo segue il padre (perché pittore) e precede il nonno (perché vecchio!)
All’età di 3 anni realizza il suo primo quadro informale!
A 4 anni esegue il suo primo quadro ad olio usando l’olio di oliva trovato in cucina!
A 5 anni ha il suo primo (e ultimo) rapporto sessuale con una bambina di 20 anni più vecchia di lui!
A 6 anni si riposa perché dice che, per essere un bambino di soli 6 anni, ne ha già fatte di cose!
A7 (anni e non l’autostrada!) si iscrive alle scuole “Alimentari” per curare la sua bulimia!
A 8 realizza un’opera contro la scuola: scrive contro il muro della scuola: ”PUTTANA LA MAESTRA!”
A 10, dopo un anno di riformatorio, torna tra i banchi ed inizia a ferire i suoi compagni, perché dice che deve dipingere ed è rimasto senza il rosso!
A 11 anni entra di nuovo in riformatorio per un anno, poi riesce a farsi trasferire nel carcere minorile dove realizza tele dove compaiono solo sequenze di aste…!
A 13 anni vuole suicidarsi ma, purtroppo, i suoi genitori, senza rifletterci su, lo convincono a non farlo!
Dopo un periodo buio durato alcuni anni, dovuto al taglio della corrente elettrica nella sua abitazione, MAX smette di dipingere monocromi neri e consegue, sotto gli occhi increduli di tutti i suoi conoscenti, il diploma di maturità scientifica. Dopodiché si iscrive alla facoltà di Ingegneria presso l’Università degli studi di Genova dove tuttora, tra una tangente e l’altra, cerca di portare a casa quel famoso “pezzo di carta” che non gli servirà mai… perché dipinge solo su tela!
Dal 2003 si innamora, anziché di una bella donna, di un musicista compositore (Gabriele Pandiani), con il quale stringe un rapporto oltre che sessuale anche professionale, realizzando numerosi spettacoli-performance di pittura musica e teatro ( "Tre quarti", "Tre tre otto", "Zero" e l'ultimo nato "Pezzi").
Nel maggio del 2005 si accorge, insieme al suo collaboratore Gabriele Pandiani, che al loro sodalizio manca una componente femminile e decide così di fondare un nuovo movimento artistico ironico-concettuale, denominandolo Federazione Italiana Giovani Artisti "F.I.G.A" al quale possono aderire tutti gli artisti che sviluppano qualsiasi forma d’arte a tematica ironico-concettuale.
Il manifesto di tale movimento (un’opera di Max intitolata "W la F.I.G.A.") e il relativo Statuto vengono in seguito depositati presso la S.I.A.E.
Il 18 Febbraio 2006 apre uno studio MOLTO SPAZIOSO (19 mq!) di arte e architettura in Alessandria e data la vastità del locale decide di dividerlo con l'architetto Emanuela Pavese e lo chiama (e quì grande eccesso di fantasia...!) DIVISODUE!
Il 21 Febbraio dello stesso anno, grazie a conoscenze altolocate, riesce a laurearsi (dopo SOLO 12 anni) in Ingegneria per l'ambiente e il territorio.
Trattano, loro malgrado, le “croste” di Max numerose gallerie, tra cui il DIVISODUE in via S.Francesco 35 in Alessandria, Galleria Clio,NoliArte di Noli (SV) ma senza vantarsene!

















compass
Vannucchi Arte – Arte Moderna e Contemporanea - Viale Montegrappa, 211 - 59100 Prato - Tel/Fax 0574 595007 Cell. 339/8533344 - 340/9103003
P.I. 02014940973 - Numero R.E.A 492637 Registro Imprese di Prato - info@vannucchiarte.com - [angiolini]